Scrivere la Biografia di un personaggio: 7 passaggi fondamentali

Scrivere la Biografia di un personaggio: 7 passaggi fondamentali

scrivere una biografia

Il testo biografico si focalizza sulla vita privata, professionale o artistica di un personaggio realmente esistito o ancora esistente; il quale può essere famoso o sconosciuto. Scrivere una biografia comporta una profonda conoscenza del personaggio e degli eventi rilevanti accaduti nella sua vita.

Esistono molti tipi di biografie e, come per il romanzo, anche il genere biografico può essere espresso attraverso molti modelli diversi. Esso può focalizzarsi su di un determinato aspetto della vita del personaggio, come:

  • la carriera
  • un percorso di crescita personale
  • il superamento di un problema importante
  • la creazione innovativa di qualcosa che ha impattato nella società contemporanea a vari livelli.

Lo stile può incidere sul modo di raccontare la storia; ad esempio può offrire al lettore una ricostruzione fedele e obiettiva o può infarcire il racconto di pensieri e punti di vista personali e tendenziosi; può celebrare le azioni del protagonista o distruggerle.

In certi casi, il biografo può cercare di prendere il punto di vista del protagonista, cercando d’interpretarne le azioni.

In questo approfondimento vedremo la definizione di biografia e in quali chiavi si può scrivere un libro biografico; vedremo quale ruolo ha il biografo e come si struttura il suo lavoro.

Cos’è una biografia e quali sono le origini?

Biografia-foglio

Se prendiamo il significato di biografia da Wikipedia troviamo la seguente spiegazione:

Una biografia (dal greco bíos βίος “vita” e gráphein γράφειν, “scrivere”) è un testo che contiene la ricostruzione complessiva della vita di una persona; può essere scritto in forma narrativa o di saggio. Quando proviene dallo stesso soggetto, si ha una auto-biografia.

Wikipedia

Quindi, se osserviamo l’etimo della parola vediamo che è composta da due parole greche: bíos e gráphein; le quali sottintendono l’atto di scrivere sulla vita di un soggetto. Lo scrivere sulla vita delle persone ha origini antiche e possiamo dire che i primi testi biografici riguardavano le vite dei santi, chiamate appunto “vitae”, le quali proprio per la qualità dei soggetti, venivano farcite con racconti strabilianti dei loro miracoli.

In questo senso possiamo dire che le vitae dei santi erano una sorta di biografie romanzate, uno dei modelli più sfruttati dal cinema e dalla televisione.

Esistono, infatti, diversi modi e stili che si possono utilizzare per scrivere una biografia; grazie anche alla diversità degli apporti culturali che si sono sviluppati nel tempo e che hanno contribuito a far evolvere il genere letterario.

Quanti modelli letterari esistono per le biografie?

Il grado di evoluzione della biografia ha portato alla nascita di modelli letterari svariati, tutti con un focus differente. Ogni modello presuppone, ovviamente, l’evidenziazione di alcuni tratti della vita del soggetto, a dispetto di altri.

Il modello non si deve confondere con lo stile, il quale riguarda il modo di scrivere e di raccontare i contenuti e dipende esclusivamente dallo scrittore.

In genere, a livello di focus e contenuti la biografia può essere:

  • psicoanalitica
  • professionale
  • romanzata

Biografia psicoanalitica

La biografia psicoanalitica è un genere biografico che esplora la vita di una persona mettendo in risalto l’infanzia; ripercorrendo i pensieri e gli stati d’animo in specifiche situazioni, ma soprattutto il contesto in cui è cresciuto il soggetto e gli aspetti più significativi della sua vita.

In questo modo il biografo mette in relazione in maniera diretta o indiretta il vissuto del soggetto con l’evoluzione della sua personalità; con il raggiungimento di determinati obiettivi.

Si cerca, in sostanza, ripercorrendo gli eventi del passato, di ricostruire la formazione della personalità più recente del soggetto, sottolineando i passaggi chiave che l’hanno determinata.

Scrivere una biografia professionale

Quando si scrive una biografia professionale si tende a trascurare il passato del soggetto o se ne riduce lo spazio, in favore di una ricostruzione della maturazione della carriera.

Seguendo questo modello, le biografie possono ricostruire nei minimi dettagli ogni aspetto che porta alla realizzazione dei progetti dell’individuo o scegliere di raccontare i punti più salienti e significativi; fondamentali per il raggiungimento degli obiettivi finali.

Le biografie professionali possono raccontare la carriera di soggetti singoli che hanno impattato fortemente nella storia e nella vita economica e sociale della società; questo è spesso il lavoro dello storico e del giornalista.

Le biografie professionali possono raccontare la storia di persone attuali o anche non famose; possono ripercorrere la carriera di più persone, come team o gruppi musicali di successo.

Saggio biografico o monografia

Il saggio biografico è la ricostruzione della vita di un soggetto senza filtri di pensiero o giudizi dell’auotore. È il modello più utilizzato dagli storici per ricostruire la vita di un personaggio, partendo da documenti e testimonianze, a volte, mai emersi in precedenza.

Solitamente il saggio monografico o biografico tende a rivelare alcuni particolari della vita del soggetto, i quali possono essere inediti o analizzati secondo un punto di vista nuovo. Se si tratta di un personaggio del passato, nella biografia hanno un ruolo fondamentale i documenti storici e le nuove scoperte.

Se il biografo è uno storico, è possibile che parte delle fonti siano state analizzate per la prima volta durante la stesura del libro.

Spesso il modello letterario del saggio biografico è utilizzato anche dai giornalisti. A differenza dello storico, il giornalista tende a formulare ipotesi personali di pensiero e ad esprimere un proprio punto di vista su come si sono svolti i fatti o nel relazionare le fonti.

Nel campo dell’autobiografia, si sente spesso parlare di saggio autobiografico, dove autore e soggetto coincidono. In questo modello letterario, l’autore tende quasi sempre a specificare le proprie ragioni e i propri punti di vista e, in alcuni casi, può assumere un tono di esaltazione o di disapprovazione verso la propria persona e le proprie azioni passate.

Rispetto al saggio biografico, quindi, l’autobiografia può essere meno affidabile come fonte di ricostruzione della vita di un personaggio.

Biografia romanzata o romanzo biografico

La biografia romanzata o romanzo biografico è il genere letterario più conosciuto e apprezzato nel campo della biografia. Quasi sempre i mass media come la televisione o il cinema tendono ad utilizzare questo modello per riproporre le vite di artisti, politici, manager, personaggi pubblici o santi.

Il romanzo biografico si struttura sulla falsa riga del romanzo storico: intreccia fatti reali, accaduti nella vita del soggetto con fatti inventati dalla mente dell’autore. Personaggi realmente esistiti nella vita del protagonista possono assumere ruoli secondari rispetto a dei personaggi di cui non esiste riscontro o del tutto fittizi.

La storia del soggetto, quindi, assume una dimensione narrativa, dove prendono posto interpretazioni libere dell’autore sui pensieri e le azioni del soggetto e di chi lo circonda.

L’autore può anche modificare dei fatti accaduti a insaputa del protagonista. Questo si verifica quando si tratta di personaggi morti da molti anni, senza familiari in vita, disposti a smentire le ricostruzioni dell’autore; ma può anche verificarsi quando il protagonista è vivente. In questo caso si parla di biografia non autorizzata.

In sostanza la biografia romanzata assume i caratteri di un vero e proprio testo narrativo: così lo stile personale dell’autore incide, quanto la creatività con cui è strutturata la trama e la presentazione dei personaggi.

Chi è e che ruolo ha il biografo?

Il biografo è uno scrittore che si dedica alla stesura di un testo biografico.

Il ruolo del biografo cambia a seconda del modello che segue; se si tratta di un saggio biografico, l’autore deve raccogliere tutte le informazioni e i documenti disponibili. Dovrà seguire una fase di studio e consultazione delle fonti, insieme ad altri saggi (se esistenti) scritti da altri autori.

Nel saggio, il biografo ha il ruolo di esaminatore dei fatti al fine di restituire una ricostruzione che possa essere quanto più veritiera possibile. Anche quando il saggista esprime un pensiero personale, questo viene sempre incorporato come pensiero o analisi dell’autore, ben distinto dalla ricostruzione storica dei fatti.

Nella biografia professionale lo scrittore adopera lo stesso principio, ma focalizzandosi solo sull’aspetto della carriera del soggetto.

Nella biografia romanzata, invece, l’autore accumula una discreta mole di informazioni e testimonianze; consulta anch’egli molte fonti, ma ha la liberta di ricostruire i fatti, seguendo una sua personale ricostruzione, allontanandosi dalla realtà.

Tutti i pensieri e le riflessioni personali dell’autore sono espresse attraverso i personaggi e i fatti del racconto. Simile è il caso del biografo di un testo psicanalitico, il quale esprime i pensieri e gli stati d’animo che egli stesso crede di individuare nel soggetto, in base alle proprie ricerche, ma che si possono considerare supposizioni di una terza persona.

Il biografo può essere molto vicino al soggetto di cui scrive; in questo caso le interpretazioni personali sul modo di agire del protagonista si possono considerare più attendibili, dato che si tratta dello sguardo di una persona coinvolta nei fatti.

Tuttavia, bisogna comunque tenere conto del tipo di rapporto fra il biografo e il soggetto della biografia; questo perché le interpretazioni potrebbero essere influenzate da un rapporto difficile o da un legame forte.

Scrivere una biografia in 7 steps

Esploriamo da vicino il lavoro del biografo e cerchiamo di comprendere quali sono gli steps necessari per scrivere una biografia.

Si tratta di sette passaggi fondamentali che sono necessari per portare avanti ogni genere di biografia.

1. Raccogliere il materiale biografico

Il materiale documentario è alla base di ogni testo biografico. Senza le fonti il biografo non ha basi su cui lavorare.

L’importanza del materiale assume, naturalmente, un peso differente a seconda del tipo di biografia che si vuole scrivere. Tuttavia, ogni fonte è sempre fondamentale come base di partenza, anche nel caso in cui si preferisca il genere creativo.

Attraverso la raccolta e lo studio del materiale, il biografo può delineare un quadro abbastanza chiaro su cui lavorare e decidere, in seguito, se:

  • vuole seguire e raccontare tutte le informazioni,
  • vuole selezionare i fatti più importanti
  • fare un’operazione creativa e personale

Il materiale può essere raccolto in:

  • forma scritta, come documenti, carteggi, saggi, articoli della stampa
  • fonti di tipo visivo, come video, riprese televisive, documentari e immagini
  • materiale audio, come registrazioni in qualunque supporto.
  • mediante interviste di persone che hanno conosciuto il soggetto e sono informate dei fatti che si vogliono raccontare

2. Studiare il materiale

Il materiale dovrà essere attentamente studiato dall’autore del testo biografico e dovrà essere fatta una cernita fra il materiale inerente a ciò che si vuole raccontare e tutto ciò che dovrà essere scartato.

Questo perché non tutto ciò che si trova su un personaggio può essere utile all’obiettivo della biografia; la quale, come abbiamo detto, non ha lo scopo di divulgare l’intimità del protagonista. La biografia racconta un aspetto preciso della vita di un soggetto.

3. Riordinare e ricostruire le fonti

Un volta selezionato il materiale ritenuto valido per la biografia, lo scrittore deve saperlo riordinare.

L’autore deve prima stabilire la sequenza temporale dei fatti e degli accadimenti come sono nella realtà; in seguito deve scegliere come raccontarli nel testo biografico.

4. Creare un percorso significativo della vita del soggetto

Il biografo dovrà creare un percorso della vita del protagonista che metta in rilievo i fatti selezionati. Questo processo si chiama stesura dell’intreccio.

Dal punto di vista cronologico, i fatti saranno narrati secondo le scelte dell’autore, sempre in base al tipo di biografia e in base allo stile personale dello scrittore.

5. Stilare i capitoli

I capitoli dovranno essere stilati, cercando di concentrare il focus sui momenti significativi della vita del personaggio.

Si deve raccontare in ogni capitolo ogni momento che ha segnato un punto di svolta, una conquista o un fallimento, che ha avuto un impatto o una conseguenza importante sul personaggio stesso.

6. Scrivere ogni capitolo cercando di tenere in mente l’obiettivo.

Quando si scrive una biografia è fondamentale tenere sempre presente l’obiettivo o il messaggio finale.

È bene evitare disgressioni inopportune, e cercare di non perdersi nel raccontare un dettaglio o un evento che affascina l’autore, ma che non serve alla biografia.

Tutta la narrazione deve mettere in rilievo le sfumature del personaggio, inerenti al punto di vista scelto.

7. Le conclusioni

Le conclusioni dovranno esprimere il punto di vista dell’autore. A seconda del tipo di biografia è possibile esprimere dubbi o evidenziare le questioni irrisolte o poco chiare.

L’importante è che le conclusioni vertano sul focus della biografia.

Scrivere una biografia o autobiografia con il ghostwriter

Se vuoi scrivere la biografia di un personaggio famoso e pensi di non essere in grado di portare avanti il lavoro da solo, affidati ad un ghostwriter. Devi solo raccogliere e fornirmi tutto il materiale inerente alla parte della vita del tuo personaggio che vorresti raccontare: ad analizzare le fonti ci penso io; in seguito ti proporrò un’idea su come ricostruire il percorso biografico da raccontare.

Stabiliremo insieme i patti per collaborare al meglio.

Vuoi scrivere un’autobiografia? Scegli quali sono gli aspetti più importanti della tua vita che vorresti comunicare e raduna i tuoi ricordi.

Se pensi di non riuscire a scrivere da solo il tuo testo biografico, contattami.

Costruiremo insieme un percorso preciso della tua vita, mettendo in rilievo i momenti importanti che lo hanno caratterizzato.

Sarai tu a fornirmi le fonti su cui scrivere; troveremo il modo migliore perché tu possa trasmettermi i tuoi ricordi.

Non importa se non hai idea di quale sia lo stile adatto a raccontare certi fatti della tua vita o quale dovrà essere la lunghezza giusta; sarà mio compito studiare le tue motivazioni e il materiale che mi fornirai e costruire la biografia più adatta a te.

Hai trovato interessante questo articolo? Fammelo sapere commentandolo.

Continua a seguire il blog di Scrivere per e presto avrai atre notizie sul mondo della scrittura e su come realizzare i tuoi desideri di futuro scrittore.

Alla prossima!

3 commenti

comments user
michele

Interessante / Io al momento son in contatto con un GhostW, per alcuni racconti. Ma ho qualcosa in cassetto che vorrei trasformare in qualcosa piu reale/ tipo una biografia romanzata / ora sto lavorando sui i fatti reali / vorrei trovare un GhostW che sappia lavorare sulla narrativa. Io vivo a Londra e vorrei leggere qualcosa di suo. Quando mi costerebbe 150 pagine? Grazie

M

    comments user
    Valentina Solinas

    Buon giorno Michele,
    se mi lascia una sua mail le spiego come funziona la collaborazione. Altrimenti la invito a scrivermi a: valentina.valesole@gmail.com
    La ringrazio per il commento e le auguro una buona giornata.

comments user
AndreA

Salve Valentina!
Articolo molto interessante e ben strutturato, secondo il mio umile punto di vista.
Avrei una domanda: potresti girarmi qualche fonte bibliografica che sicuramente avrai consultato circa la questione della biografia come genere letterario e sui modi di costruzione di una biografia?
Sarebbe per me molto utile, dato che sto lavorando a una tesi magistrale sulla ricostruzione cinematografica delle vite dei compositori di musica classica: su internet si trovano molti “maestri di biografia” ma pochi che citano le loro fonti primarie 🙂 Grazie in anticipo della risposta!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.